Period il 2015 quando vi avevamo parlato delle star che, secondo la leggenda, non ridono mai per evitare le cosiddette rughe di espressione. Le allora foto prima e dopo non mostravano alcuna differenza: protagoniste celebrities in costante “poker face” come Victoria Beckham e Renee Zellweger. La verità e che a tutti, anche le più attente all’ageing o le chicas malas (come canterebbe Nicki Minaj), è capitato di sorridere. Almeno una volta. Ecco noi “quella volta” l’abbiamo individuata e ve la proponiamo in questa gallery di foto prima e dopo di 20 star sempre serie che, a volte, sorridono. Ci sono i grandi classici come, appunto, Victoria Beckham, ma anche celebrities inattese ma non per questo meno musone come Leonardo DiCaprio e Ryan Reynolds che, al limite, accennano un lieve sorriso con le sopracciglia. 

E sebbene le rughe di espressione siano una realtà, va detto che ormai ci sono soluzioni micro invasive che non solo permettono di correggere i cedimenti passati, ma permettono di continuare advert avere una mimica naturale, o meglio naturalmente allegra. 

Oggi infatti la medicina estetica è in grado di offrire una serie di process non chirurgiche per il ringiovanimento del viso. La scelta finale della procedura tiene sempre in considerazione le caratteristiche anatomiche, gli obiettivi, le aspettative e le esigenze dettate dallo stile di vita del singolo paziente. Nell’ultimo decennio, accanto a tecnologie word come il lifting chirurgico, filler e botulino, si sono diffuse tecniche mini-invasive per sospendere i tessuti del viso, come l’applicazione dei fili di trazione, grazie a tempi di procedura e recupero contenuti, advert una più immediata soddisfazione del paziente, all’assenza di anestesia generale e advert un minor rischio di complicanze. 

Descrive benissimo e riassume in sé la questione Relife, la nuova azienda del gruppo Menarini dedicata alla Dermatologia e alla Medicina Estetica, già sul mercato con una linea di prodotti indicati per stimolare, ridefinire e sostenere i tessuti del viso. Una tecnica sicura ed efficace per un immediato ringiovanimento facciale.

Il focus è appunto l’applicazione di fili di trazione (o sospensione) una procedura estetica che lifta e ricompatta il tessuto, migliorando così la definizione dei contorni del viso.

La Duplice azione

Effetto liftante per il sostegno e il riposizionamento immediato dei tessuti, grazie all’azione meccanica prodotta dal filo.
Effetto rivitalizzante più duraturo, garantito e rafforzato grazie alla fibrosi che si genera lungo il percorso del filo e che stimola la sintesi del collagene, dell’acido ialuronico e dell’elastina endogeni.

Le principali aree di trattamento con i fili di trazione per il viso sono:

1. Zigomi
La perdita di quantity dello zigomo e l’accentuazione del solco nasolabiale superiore possono essere corretti mediante l’inserimento di fili di trazione che garantiscono il riposizionamento del tessuto in regione zigomatica ed una distensione della regione nasogeniena.

2. Profilo della mandibola
Un profilo mandibolare appesantito e l’accumulo di tessuto lasso prima del mento possono essere trattati con l’utilizzo di fili di trazione che permettono di ottenere un ripristino della regolarità del contorno mandibolare e il risollevamento del tessuto in eccesso.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.